Articolo-Design

Tema Grafico con Illustrator CS6

In questo articolo si presenta un tutorial per creare un tema grafico
a tre colori in formato .ai ovvero con Adobe Illustrator CS6.

Si farà in particolar modo uso di Adobe Photoshop per creare
il tema grafico, e poi si utilizzerà Illustrator per vettorializzarlo.

Si procederà ad applicare la funzione di ricalco dinamico e si
metteranno in evidenza i punti importanti da seguire per fare in
modo che il file finale possa essere utilizzabile per essere
stampato su un capo di abbigliamento. Iniziamo :

 

1) Creare il tema grafico in Photoshop

 

In questo tutorial verrà creato un tema grafico elementare :
La scritta A B C con le tre lettere di tre colori differenti.

Aprire quindi Adobe Photoshop e creare un nuovo progetto:
File –> Nuovo e creare un progetto di 800 x 800 pixel.

Attenzione: E’ importante che le dimensioni del progetto siano
memorizzate, perché saranno utilizzate anche in Illustrator.

Creare quindi tre livelli e mettere su ogni livello le tre lettere:
Primo livello : Lettera “A” di colore rosso ( esadecimale #ff0000)
Secondo livello : Lettera “B” di colore verde ( esadecimale #00ff00)
Terzo livello : Lettera “C” di colore blu ( esadecimale #0000ff)

Ovviamente i colori possono essere scelti a piacere.
Le tre lettere potranno anche sovrapporsi. Farle abbastanza grandi.

 

2) Salvare gli elementi come Png trasparenti

 

Adesso si passa a salvare ogni elemento grafico come file Png:
Rendere visibile solo il primo livello, quello con la “A” e assicurarsi
che tutti gli altri livelli (sfondo compreso) non siano visibili.
Andare quindi su : File –> Salva per web e dispositivi

Nelle opzioni di salvataggio scegliere PNG-24 per il tipo di file.
Assicurarsi quindi che l’opzione Trasparenza sia selezionata.

Salvare quindi il file col nome Tutorial-C1.png

 

Procedere allo stesso modo per gli altri due livelli (“B” e “C”)
e creare quindi i file Png con nomi Tutorial-C2 e Tutorial-C3.

 

Questi saranno i file grafici che verranno importati in Illustrator.
E’ ovviamente possibile assegnargli qualsiasi nome.
L’importante è che si sappia dove vengono salvati.

L’operazione con Photoshop è conclusa. Salvare il progetto con un
nome a scelta (sebbene per il tutorial non sia necessario farlo).

 

3) Aprire Adobe Illustrator e creare il file per la stampa 

 

Qui inizia la parte che rappresenta il cuore del tutorial:
Aprire Adobe Illustrator CS6 e andare su File –> Nuovo

Come anticipato è importante che il nuovo progetto abbia
le stesse dimensioni del file creato con Photoshop.

In questo caso dunque il nuovo progetto sarà di 800 x 800 pixel.
Il nome del progetto verrà dato in fase finale di salvataggio.

 

4) Creare Tre livelli separati nel progetto di Illustrator

 

Per default il nuovo progetto avrà già un livello separato.
Aggiungere quindi altri due livelli cliccando sulla icona
in basso nel pannello livelli ( icona “Crea nuovo livello”).
Vi saranno quindi ora tre livelli separati nel progetto.

 

5) Importare i file Png precedentemente creati nel progetto

 

Selezionare il primo livello del progetto e  inserire il file png con
File –> Inserisci e importare quindi il file Tutorial-C1.png

In questo modo nel primo livello del progetto di Illustrator sarà
presente il file grafico con la lettera “A” creato in Photoshop.

Eseguire lo stesso procedimento per gli altri due livelli in modo che
alla fine sul livello due ci sarà la lettera “B” e sul livello tre la “C”.

Dovrebbero apparire le tre lettere A,B,C ognuna con un proprio
colore differente ( i colori potrebbero anche differire leggermente
da come erano visibili in Photoshop, ma questo non importa)

 

6) Applicare il ricalco dinamico ad ogni livello

 

Questo punto è il vero cuore del tutorial, ed è  la parte che più di
frequente mette in crisi e che può dare luogo a problemi.

Le operazioni che seguono dovranno venire eseguite per ogni
singolo livello del progetto. Qui l’operazione viene descritta solo
per il primo livello ( quello con la lettera “A” per intenderci)

Selezionare dunque il primo livello, e fare in modo che gli altri due
livelli non siano visibili. Aprire quindi il pannello per il ricalco
dinamico. Aprire tutto il pannello di modo che anche le opzioni
Avanzate siano visibili ( cliccare sulla freccetta Avanzate).

In questo modo si potranno vedere le voci che maggiormente
interesseranno : Le voci Ignora Bianco e Colori presenti
in fondo al pannello del ricalco dinamico.

 

6a) Effettuare l’opzione di ricalco a 3 Colori

 

Effettuare il ricalco aprendo la voce Predefinito 
(La prima voce in alto presente nel pannello)

Si aprirà un menù a tendina con diverse opzioni.
L’opzione selezionata di default è appunto [Default].
Scegliere la voce 3 Colori ed eseguire il ricalco.

 

Illustrator-ricalco-passo0

 

Dopo l’elaborazione, si potrà notare come
i colori di cui è composto il livello saranno 3.

 

Illustrator-ricalco-passo1

 

6b) Fare in modo che il livello abbia un solo colore

 

Questo non è un tutorial sul ricalco dinamico in dettaglio.

Tuttavia visto che ci siamo è utile sottolineare che se si fosse
dovuto procedere a creare un file monocolore, ovvero con un
colore unico ed un unico livello, allora si sarebbe potuta scegliere
l’opzione di ricalco  “Silhouette” con la quale l’immagine viene
automaticamente vettorializzata ad un unico colore ( il nero).

Ma quando ci sono due o più colori, allora è necessario fare in
in modo di eliminare il bianco dal livello di modo che il numero di
colori sia effettivamente unico per ogni livello.

 

Il prossimo passo sarà quello di ridurre i colori da 3 a 2.

Per fare questo bisogna trascinare la linguetta della voce colori
completamente a sinistra ( nella parte alta del pannello di ricalco).

In pratica bisogna portare a 2 il numero di colori del livello.
Una volta fatto, lasciare che venga ri-elaborato il nuovo ricalco.
( Se la voce di Anteprima non è spuntata, spuntarla).
A fine elaborazione ci saranno due colori nel livello ricalcato.

 

Illustrator-ricalco-passo2

 

Come ultima operazione bisogna portare il numero di colori a 1.

Spuntare quindi l’opzione Ignora Bianco dal pannello di ricalco
e procedere con una nuova elaborazione di ricalco.

Questa voce va spuntata perché altrimenti il bianco viene incluso
come colore e questo porta a risultati imprevisti.
( Se la voce di Anteprima non è spuntata, spuntarla).

 

Illustrator-ricalco-passo3

 

A fine operazione in fondo al pannello la voce  Colori dovrà riportare
come valore 1 , ovvero un solo colore per il livello selezionato.

Come già detto questo tutorial non è sul ricalco in dettaglio, quindi
le specifiche voci del pannello di ricalco non verranno qui trattate.

Quello che importa è che per ogni livello del progetto dovranno
essere presenti gli elementi grafici con un singolo colore.

Procedere dunque ad effettuare le stesse operazioni di ricalco per
gli altri due livelli ( con le lettere “B” e “C”).

 

7) Salvare il file di Adobe Illustrator per la stampa

 

La parte conclusiva del lavoro è quella di salvare il file per la stampa.
Andare su File –> Salva con nome…
Scegliere quindi un nome per il file e procedere al salvataggio.

Verrà aperta una finestra di opzioni di salvataggio di Illustrator.

Fra le opzioni la più importante a cui porre attenzione è la voce:
Usa compressione: Normalmente per default questa voce è
spuntata mentre va invece tolta la spunta, in quanto il file che si
vuole salvare deve avere la massima qualità possibile.

 

Includi file collegati: Questa voce deve essere spuntata se il
si vuole che i file importati nel progetto siano inclusi nel salvataggio.
Se bisogna portare il file ad una tipografia questa voce va spuntata.

Se si intende fare un upload diretto allora la spunta si può ignorare.
Concludere quindi con il salvataggio del file.

 

Il tutorial è concluso. Il file in questione può essere utilizzato per
una possibile stampa dandolo ad una tipografia oppure dandolo
in “pasto” ad un programma on-line che lo verifica e poi lo rende
adatto per una preview di stampa su un capo di abbigliamento.

Il fatto che il motivo grafico non venga poi accettato esula dagli
scopi di questo tutorial, ed in particolar modo significa che le
operazioni di ricalco non sono state ben eseguite:

Troppi tracciati, troppi punti di ancoraggio, ecc.
Di norma più il tema grafico è complesso e più occorre prestare
attenzione a questi elementi che appesantiscono il file.

Per concludere è naturalmente possibile creare un motivo grafico
direttamente in Illustrator, ma normalmente l’utilizzo di questo
programma è decisamente più ostico di Photoshop.

Per quello spesso si procede prima ad utilizzare Photoshop e
poi a creare il file finale con Illustrator.

E poi per certi temi non si può prescindere dal passare da
immagini raster a immagini vettoriali, come quando si usa una
tavoletta grafica o quando si vuole vettorializzare una foto.

Le operazioni per la creazione di un tema grafico con Illustrator CS6
riportate in questo tutorial possono sembrare molto laboriose.

Tuttavia con un minimo di pratica questa operazione
non richiederà di norma più di cinque minuti.

Il vero tempo verrà speso invece attraverso due operazioni:
1) L’ideazione e la creazione del tema grafico
2) Il settaggio dei parametri di ricalco ideali se il tema è complesso.

Ma questo è un altro argomento.

 

Torna alla Home Page

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *